domenica 30 marzo 2014

…impariamo a S3RV1RE

Dal 27 al 30 marzo, presso la Casa Generalizia si è svolto il Convegno Nazionale dei Giovani Lasalliani italiani dal titolo “IMPARIAMO A S3RV1RE”. Circa 100 ragazzi sono, così, giunti a Roma da tutte le scuole e istituzioni lasalliane d’Italia per vivere 4 giorni insieme riflettendo proprio sul tema del Servizio a conclusione di un cammino, durato tre anni, durante i quali i giovani si sono interrogati sui tre pilastri dell’essere lasalliano: fraternità, fede e servizio. Molte sono state le presenze e condivisioni preziose (Fr. Achille Buccella, Fr. Gabriele di Giovanni, Angela Matulli, Lorenzo Cutore e Fr. Alberto Gomez,) che ci hanno aiutato a comprendere come progettare e vivere un servizio cristiano. Essere lasalliani comporta avere un’attenzione particolare all’altro, qualcosa che ci spinge ad avere cura di chi incontriamo, scoprire che “Dio ci chiama tra le pagine fitte dei nostri quartieri”, perché è proprio nell’altro che possiamo riconoscere il volto di Cristo, così come ha fatto il nostro Fondatore S. Giovanni Battista De La Salle.
Abbiamo condiviso le nostre molte e diverse esperienze di servizio per arrivare a capire che anche le piccole cose, i piccoli gesti, quelli che sembrano non poter cambiare il mondo, se fatti con zelo e SPIRITO DI SERVIZIO, possono essere veri strumenti di Salvezza.
È stata un’esperienza emozionante perché abbiamo condiviso momenti forti di preghiera e riflessione, abbiamo affidato i nostri sogni, i nostri impegni e le nostre speranze di giovani lasalliani nelle mani di Dio che come un papà buono non potrà che accompagnarci in questo cammino.
Molti sono stati i sorrisi, le lacrime di commozione, i balli e i canti, le domande e le risposte di 100 ragazzi che oggi, nonostante le difficoltà del mondo che ci circonda, non smettono di vivere il carisma del nostro Fondatore per essere, come ci ha detto il superiore Generale Fr. Alvaro, la nuova Generazione della Speranza!
Il convegno si è concluso a piazza San Pietro, per partecipare all’Angelus di Papa Francesco che, al termine di questo, ha rivolto un particolare saluto a tutti i ragazzi del Movimento Giovani Lasalliani accorsi con gioia ad ascoltarlo!
Se è vero che nelle nostre scuole “entriamo per imparare ed usciamo per servire”…adesso tocca a noi giovani lasalliani dire “I care”!

Se non lo facciamo noi per loro, chi lo farà?

È questa la domanda che deve risuonare nelle nostre menti e più di tutto nei nostri cuori…
SE NON LO FACCIO IO PER LORO, CHI LO FARA’?
A questo punto le domande che si aprono sono 2:
fare cosa?
Perché proprio io?
Non è semplice dare delle risposte a queste domande, forse ad alcuni di noi sarà necessaria tutta una vita… non saranno di certo sufficienti questi tre giorni!
Ma vogliamo iniziare INSIEME una riflessione, vogliamo tentare INSIEME, come siamo abituati a fare, a dare delle risposte o forse a farci tante altre domande su cosa significhi per noi la parola SERVIZIO.
Siamo partiti per questo viaggio 3 anni fa… qualcuno di voi c’era fin dall’inizio, altri si sono aggiunti strada facendo, ma questo è il bello di un viaggio!!!
Ci siamo scoperti GRUPPO (Cammina alla mia presenza: condividi il cammino!) ricordate?, l’anno scorso abbiamo scoperto la FEDE (CREDIMI!)… oddio, scoperto è un parolone… diciamo che ci siamo messi in ascolto, alla ricerca di quel Dio, Padre buono che ci ha chiamati suoi figli e ci spinge a fare piccole-grandi cose…
Quest’anno è il momento di “sporcarci le mani”…
Siamo tutti qui perché sentiamo qualcosa che ci spinge, qualcosa che ci muove, che ci emoziona, qualcosa che ci fa ardere forte il cuore nel petto e che ci permette di guardare lì dove nessuno sposta lo sguardo, agli angoli e alle periferie del mondo, delle nostre scuole, delle nostre realtà, della nostra società…
Sentiamo tutti una spinta verso i più piccoli, verso chi ha più bisogno…
Abbiamo tutti … occhi aperti e cuori appassionati…
Bene ragazzi questo è il nostro DESIDERIO DI FARE SERVIZIO!!!